Segnali di malattia in cani e gatti

Gli animali manifestano i sintomi di una malattia in modi differenti: bisogna sempre essere in guardia e rivolgersi al veterinario quando si notano i seguenti segnali di malessere nel tuo cane o gatto.

Diarrea o vomito

Dopo un singolo episodio, non alimentare l’animale per 24 ore, dopodiché iniziare una dieta blanda, a base di carne bollita con del semplice riso bianco. Se il problema si manifesta per più di un giorno oppure è molto violento, causa dolori e/o gonfiori addominali, porta il tuo animale dal veterinario nel più breve tempo possibile.

Graffi, leccate o morsi

Devi cercare i parassiti! Tratta le pulci o le zecche con prodotti specifici. Se l’animale si gratta molto e causa graffi profondi o perdite di pelo, è necessario consultare il veterinario.

Tosse, dispnea, starnuti

Se l’animale ansima o tossisce, potrebbe essere solo stanchezza o caldo. Se questi sintomi persistono per un lungo periodo, consulta il veterinario.

Dolore, rigidità o difficoltà nei movimenti

Esamina accuratamente le zampe e i cuscinetti, verifica se ci sono tagli, ecchimosi, escoriazioni o altro.  Se tutto ti sembra normale e l’animale si comporta in modo normale, cerca di tranquillizzarlo, tienilo in casa se possibile, osservando il suo comportamento nelle 24 ore successive e verificando eventuali miglioramenti o peggioramenti. Portalo dal veterinario se vedi che ha una postura sbilanciata, barcolla o cade. L’artrite è una malattia comune nei cani anziani, uno su cinque ne soffre. Controlla se durante una camminata, il tuo cane zoppica, resta indietro o appare rigido nei movimenti. È riluttante a salire dei gradini o non salta più come era solito fare? Impiega molto tempo a rialzarsi? Fallo controllare dal veterinario!

Problemi intestinali o alle vie urinarie

Se il comportamento del tuo animale domestico appare normale, ma evidenzia problemi quando deve evacuare, potrebbe essere stitico. Questa problematica, potrebbe portare ad un blocco intestinale. Il consiglio è quello di consultare il veterinario entro 24 ore. Il problema intestinale, associato a vomito, potrebbe presagire gravi conseguenze o patologie. Nei gatti, i problemi alle vie urinarie sono piuttosto comuni e possono diventare pericolosi. Se il tuo gatto continua a recarsi alla lettiera o miagola quando deve urinare, consulta il veterinario. Lo stesso devi fare se scopri tracce di sangue nelle feci.

Disturbi visivi e uditivi

Se c’è sanguinamento, se vedi scorie bianche o gialle, se l’occhio appare offuscato, asciutto o iniettato di sangue, se il tuo animale sembra vederci o sentirci poco, è ora di portarlo dal veterinario.

Ha qualche allergia?

Cani e gatti possono ammalarsi di “febbre da fieno” e possono essere sensibili a pollini e muffe, polvere, piume e lana. Le conseguenze di queste allergie, possono portare ad un forte prurito, piuttosto che ad un vero e proprio raffreddore. Quindi devi tenere sotto controllo la tendenza a grattarsi più del solito. Se il tuo animale domestico manifesta prurito da allergia, puoi dargli un po’ di sollievo con dell’acqua fredda direttamente sul punto interessato, oppure applicare una pasta fatta con acqua e farina di avena. Dopo aver consultato il veterinario, potrebbe anche essere il caso di somminstrare degli antistaminici, come si fa con gli umani.

Odori

L’alito cattivo non è solo un fastidio, a volte può essere un indicatore di problemi di salute. Rimuovi la placca dai denti del tuo animale domestico, per evitare alitosi e problemi gengivali. Spazzolare i denti del tuo animale domestico, è il modo migliore per tenerlo alla lontana da questi problemi. In commercio esistono alcuni giocattoli con delle superfici leggermente abrasive, utili per favorire la rimozione della placca. Alimenti solidi o verdure, come ad esempio le carote, saranno altrettanto utili. Tavolette di colorofilla oppure alcuni biscotti speciali che si trovano in negozi specializzati, aiuteranno nell’inibizione dell’alitosi. Tieni presente che la presenza di altri cattivi odori, possono essere sintomo di altre malattie. Le infezioni all’orecchio fanno emanare alla pelle dell’animale un forte odore. Altre fonti di cattivi odori possono essere ascessi o ulcere nella pelle. Un odore dolce-fruttato, potrebbe essre indicatore di diabete.

Altri tipi di malattie

Influenza felina

I gatti sono soggetti a questo tipo di influenza. L’influenza felina provoca lacrimazione degli occhi, naso che cola e starnuti improvvisi e violenti. Puoi aiutare il tuo gatto facendolo mangiare con regolarità, pulendo gli occhi e il naso con un batuffolo di cotone leggermente imbevuto d’acqua e assicurandoti che abbia una corretta respirazione. Alcune gocce di soluzione salina nel naso otturato, potranno aiutarlo a respirare meglio. Un consulto dal veterinario è consigliato, soprattutto se il problema persiste.

Tosse canina

Si tratta di una bronchite che provoca al cane, una forte tosse secca. Per dare sollievo al tuo animale domestico, assicurati di non fumare in sua presenza e mantieni alta l’umidità nell’ambiente in cui si trova Puoi dare al cane anche uno sciroppo specifico per gli umani, basta non contenga paracetamolo. In questo caso consulta sempre il tuo veterinario, non dare al cane medicinali se non sei sicuro siano adatti e tollerati.

Ti potrebbero interessare

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *