Prendersi cura di un animale anziano

Proprio come accade per gli essere umani, il miglioramento della sanità ha determinato un significativo aumento della durata media della vita per cani e gatti. Tuttavia, con il passare del tempo, certi piccoli problemi di salute diventano frequenti anche negli animali. Ecco alcuni suggerimenti specifici sulla cura degli animali anziani.

Controlli regolari

I check-up presso il veterinario, vanno effettuati almeno una volta l’anno. Per i cani a partire dal sesto/settimo anno di età, prima se si tratta di cani di grossa taglia. I gatti raggiungono la mezza-età intorno agli otto/dieci anni. È bene ricordare anche i seguenti punti:

  • Esercizio fisico quotidiano
  • Controllo del peso
  • Assunzione di molte fibre
  • Solo cibo sano
  • Dieta calibrata
  • Antiossidanti
  • Tanta acqua

Infine, tieni il tuo animale domestico vicino casa e al tuo fianco il più possibile. Se l’animale manifesta una perdita d’udito, non farlo camminare in mezzo al traffico e tienilo sempre al di fuori da situazioni di pericolo. Spiega ai bambini, se ne hai, che un animale anziano può essere più facilmente irritabile.

Quando devo portare l’animale dal veterinario?

Se verifichi una delle seguenti problematiche, è il momento di consultare un professionista:

  • Presenza di strani “grumi” o ematomi.
  • Fiato corto
  • Inappetenza
  • Perdita di peso
  • Assunzione anomala di liquidi
  • Graffi o abrasioni sulla pelle

Il tuo cane può ammalarsi di Alzheimer

I cani possono perdere alcune funzioni cerebrali con l’età, esattamente come succede per gli umani. Mentre alcune perdite cognitive sono da considerarsi normali, altre potrebbero rappresentare la presenza  una Disfunzione Cognitiva Canina. I sintomi e i cambiamenti comportamentali dovuti a questa malattia, sono spesso causati da vecchie lesioni al cervello, molto simili a quelle umane. La Disfunzione Cognitiva Canina, si manifesta nei cani, a partire dal settimo anno di età. I sintomi più comuni di questa patologia sono:

  • Disorientamento
  • Ritardo nella risposta ai richiami
  • Interruzione improvvisa del sonno
  • Incapacità a muoversi in casa o durante le passseggiate

 

Ti potrebbero interessare

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *